Storie sulla dipendenza da gioco d’azzardo

Continuo a mettere in gruppo i racconti, condivisi qui nel blog, che parlano di una specifica tematica. Nei racconti che scrivo, mi sono trovato a raccontare di alcune tematiche importanti e alcune problematiche. Girando i quartieri e osservando persone e l’ambiente in cui si lavora, sono molte le storie che ho ascoltato e osservato afflitte da questa piaga: la dipendenza da gioco d’azzardo o ludopatia. Storie che coinvolgono persone di tutte le età, vissuti drammatici che hanno coinvolto intere famiglie. Ho voluto scriverne in questi due racconti, facendo capire, anche, che si può essere aiutati e venirne fuori. Slot: https://storiequalunque.com/2017/02/25/slot/Continua a leggere Storie sulla dipendenza da gioco d’azzardo

Storie di lavoro educativo

Ho deciso di raggruppare in questo articolo, tutti i racconti e i pensieri condivisi, finora, qui nel blog sul lavoro educativo e sulla figura professionale di noi educatori. Così per chi lo desiderasse, può trovarli qui sotto tutti insieme. La verifica: https://storiequalunque.com/2021/12/04/la-verifica/ Educativa di strada: https://storiequalunque.com/2018/09/19/educativa-di-strada/ Indossa la corazza – Burnout https://storiequalunque.com/2021/03/29/indossa-la-corazza-burnout/ Educativa estiva: https://storiequalunque.com/2021/07/25/educativa-estiva/ Una castagna scaccia paura: https://storiequalunque.com/2020/10/29/una-castagna-scaccia-paura/ Educativa a distanza: https://storiequalunque.com/2020/04/23/educativa-a-distanza/ Quando tutto rimane sospeso: https://storiequalunque.com/2021/02/02/quando-tutto-rimane-sospeso/ Un provvidenziale blackout: https://storiequalunque.com/…/un-provvidenziale-blackout/ Il ruolo: https://storiequalunque.com/2019/01/31/il-ruolo/ Vita da educatore: https://storiequalunque.com/2018/11/19/vita-da-educatore/ 18/01/2022 Rocco Carta Continua a leggere Storie di lavoro educativo

Correre dietro i propri sogni

Mi hanno detto sempre di non smettere di inseguire i sogni, allora ho cominciato a correre per raggiungerli. Andavano a passo spedito, difficili da prendere. Molti sono arrivati al traguardo con un netto distacco, altri solo a un soffio dall’afferrarli. Alcuni li ho raggiunti e qualcun altro l’ho messo in tasca, anche se cerca spesso di fuggire. Uno l’ho proprio voluto, inseguito, agognato e adesso sto cucendo, con mano da sarto, il vestito più adatto a presentarlo alla sua serata di gala. Di sogni ne ho ancora tanti, alcuni nel cassetto, altri pronti a spiccare il volo. A correre sono … Continua a leggere Correre dietro i propri sogni

È finita la scuola!

C’è un’aria frizzante stamane. Un’aria di festa. Lo scorso anno, la stessa aria nella stessa giornata, venne respirata, purtroppo, in maniera diversa: da dietro uno schermo. Ovviamente non è stata la stessa cosa.   Arrivando a scuola già in lontananza, si sono iniziati a sentire i cori di bambini e ragazzi: “È finita la scuola, è finita la scuola…” anche se in realtà, il suono della campanella che fa da accompagnamento a questi cori, è quello dell’inizio delle lezioni e alla fine della giornata, ci vorranno ancora un po’di ore. Gli insegnanti sono pronti ad accogliere anche oggi i loro … Continua a leggere È finita la scuola!

23 giorni – cronaca di una quarantena

Mi sveglio in piena notte, è in corso un mal di testa davvero forte, un’emicrania presumo o forse la solita cervicale che mi tormenta. Decido di alzarmi e recarmi davanti al mobiletto dei farmaci. Un antidolorifico è quello che ci vuole. Ho sonno e prima di essere svegliato da questo martello che mi colpisce le tempie, stavo anche facendo un bel sogno. Provo a chiudere gli occhi, il farmaco agirà e potrò rituffarmi tra le braccia di Morfeo. Invece niente, Morfeo non mi vuole. Il dolore si attenua ma rimane a farmi compagnia. Inizio ad avvertire dolori alle gambe, eppure … Continua a leggere 23 giorni – cronaca di una quarantena

Radici con le ali

Terra, terra fiera e accogliente radici profonde fuse con la terra natia forti e ramificate ma anche lunghe e pronte ad attecchire su ogni terreno predisposte per bere l’acqua che ogni luogo ha da offrire. Radici amate, ma desiderose di conoscenza, radici non stanziali radici dotate di ali. Ali per condurle nel mondo ali per migrare, aperte per abbracciare chi ha radici diverse dalle mie ali rispettose delle diversità e disposte alla solidarietà radici e ali che abbattono muri e confini. Radici riconoscenti alle proprie origini, ma con ali per spiccare il volo e arrivare fino all’estremità della Terra. Radici … Continua a leggere Radici con le ali