Educativa Estiva

Uhm… Lo so, un racconto non dovrebbe mai iniziare con un uhm, è una cosa che risulta fuori dagli schemi canonici di ogni corso di scrittura creativa e molti puristi della scrittura perfetta, sicuramente, storceranno il naso. Ma io di mestiere non faccio lo scrittore, bensì l’educatore e, visto che “la forma” devo rispettarla ogni volta io scriva una relazione, compili un documento o aiuto nella didattica un alunno, in questo caso mi tolgo lo sfizio di cominciare con una bella interiezione. La forma è importante, ma cazzarola, alle volte può essere anche stravolta, no? Bando alle ciance: mi chiamo … Continua a leggere Educativa Estiva

È finita la scuola!

C’è un’aria frizzante stamane. Un’aria di festa. Lo scorso anno, la stessa aria nella stessa giornata, venne respirata, purtroppo, in maniera diversa: da dietro uno schermo. Ovviamente non è stata la stessa cosa.   Arrivando a scuola già in lontananza, si sono iniziati a sentire i cori di bambini e ragazzi: “È finita la scuola, è finita la scuola…” anche se in realtà, il suono della campanella che fa da accompagnamento a questi cori, è quello dell’inizio delle lezioni e alla fine della giornata, ci vorranno ancora un po’di ore. Gli insegnanti sono pronti ad accogliere anche oggi i loro … Continua a leggere È finita la scuola!

Corri ragazzo

Mi preparo, un po’ di stretching e scaldo i muscoli. Fuori c’è il sole che mi chiama, ma anche vi fossero nuvole gonfie di pioggia, mi chiamerebbero alla stessa maniera: “Corri ragazzo“.  Le cuffie già alle orecchie e mi accingo a lanciarmi in strada, a calpestare e macinare chilometri di strada e d’asfalto. Da solo, con la sola compagnia della musica da me scelta.  Ogni nota un passo, una schitarrata elettrica per aumentare il ritmo, il suono caldo di un sax per dosare il respiro: nient’altro, nessuna voce, nessuna parola, il mondo lo percorro ma funge solo da cornice. Cornice … Continua a leggere Corri ragazzo

Spread your wings – spicca il volo

“Spread your wings and fly away Fly away, far away Spread your little wings and fly away Fly away, far away Pull yourself together ‘Cos you know you should do better That’s because you’re a free man” Spread your wings – Queen (written by John Deacon) Il vassoio da portare al tavolo tre è pronto. Il Deejay della stazione radio che i clienti ascoltano nel locale annuncia con voce calda: “Oggi è il 28 agosto 1985, sono le 12.05, a Londra piove e le temperature oggi sembrano essere già autunnali e, per iniziare la nostra ora di trasmissione, ci ascoltiamo … Continua a leggere Spread your wings – spicca il volo

Buon 2021

Non lo so cosa bisogna aspettarsi dal nuovo anno.Quello che so, è che l’anno che ci stiamo lasciando alle spalle, è stato davvero un anno difficile per tutti e ovunque in questo pianeta.Quindi, posso solo sperare che domani mattina possa essere l’inizio di una risalita per ognuno.Non sarà così da subito, ma voglio davvero augurare e auspicare il ritorno verso una normalità di vita che tanto ci è mancata e ci manca.Per il resto voglio poter brindare a voi che seguite questo blog e leggete, condividete e qualche volta vi emozionate con queste piccole storie che scrivo, ringraziandovi e mandandovi … Continua a leggere Buon 2021

Buone Feste

A tutti voi amici di Storie Qualunque auguro serene e liete Feste, ringraziandovi uno a uno per aver letto quello che ho scritto in questo anno tormentato.Aggiungo auguri speciali, da parte di un educatore narratore, a tutte le educatrici e gli educatori che, come altre categorie lavorative, in questi giorni non si fermeranno e saranno di turno.Colleghe e colleghi che rimangono attivi e sul campo, all’interno di comunità minori, case alloggio o case famiglie, RSA e comunità residenziali per disabili o per la cura della tossicodipendenza e in tanti altri luoghi di accoglienza e di prima accoglienza, fornendo professionalità, sostegno, umanità, … Continua a leggere Buone Feste

23 giorni – cronaca di una quarantena

Mi sveglio in piena notte, è in corso un mal di testa davvero forte, un’emicrania presumo o forse la solita cervicale che mi tormenta. Decido di alzarmi e recarmi davanti al mobiletto dei farmaci. Un antidolorifico è quello che ci vuole. Ho sonno e prima di essere svegliato da questo martello che mi colpisce le tempie, stavo anche facendo un bel sogno. Provo a chiudere gli occhi, il farmaco agirà e potrò rituffarmi tra le braccia di Morfeo. Invece niente, Morfeo non mi vuole. Il dolore si attenua ma rimane a farmi compagnia. Inizio ad avvertire dolori alle gambe, eppure … Continua a leggere 23 giorni – cronaca di una quarantena

Una Castagna scaccia paura

“Le nostre castagne erano bellissime,e quando i ricci cadevano e rimbalzavano al suolo e ne uscivano i frutti, lucidi…”Stefano Benni, L’ultima lacrima. “Fa’ la punta alla matitacorri a scrivere la tua vita.Scrivi parole diritte e chiare:Amore, lottare, lavorare.”(Gianni Rodari) Gianni arriva con calma e senza fretta davanti all’ingresso della scuola. Vuole godersi pienamente l’aria elettrizzante e adrenalinica del primo giorno di scuola. Sono sei mesi che non varca l’ingresso di quell’edifico, sei mesi che lui, i bambini e i ragazzi non ascoltano il suono della campanella di inizio lezioni. Sei mesi in cui la vita di tutti è stata stravolta … Continua a leggere Una Castagna scaccia paura